Blog
Guida completa alle Social Media Analytics

Guida completa alle Social Media Analytics

Sia che tu lavori per conto di un’impresa o come utente privato hai bisogno di capire come generare valore partendo dall’enorme quantitò di informazioni pubblicate ogni giorno sui social network.

Prova il miglior strumento di social media analytics!

Come? Grazie alle Social media analytics! Senza l’analisi dei social media non saresti in grado di avere un’idea chiara della tua brand awareness, della reputazione del brand online, e del successo o fallimento delle tue attività di online marketing. Se usate correttamente, le social media analytics ti porteranno a scoprire nuove opportunitò di business ed insight strategici che molte volte rimangono nascosti dietro al brusio dei social media. Questa guida vuole essere una preziosa risorsa in grado di aiutarti a capire cosa sono le social media analytics, cosa fare per sfruttarle al meglio, e come scegliere lo strumento di social media analytics più adatto alle tue esigenze.

Insieme alla guida puoi scaricare anche il template excel per il Social Media Reporting. Al suo interno troverai dei KPI preimpostati, che puoi utilizzare per misurare I tuoi obiettivi di business, e un pratico glossario con la definizione dei principali KPI inseriti.

La guida è suddivisa in diverse sezioni, così da faciltarti nella consultazione, dedicate ai diversi aspetti delle social media analytics, dai concetti base come la definizione fino alle diverse tipologie di integrazione dati che possono essere implementate o gli utilizzi che ne stanno facendo alcuni famosi brand.

Agenda

1. Cosa sono le Social Media Analytics e come funzionano

2. Perchè utilizzare le Social Media Analytics

3. Come utilizzare le Social Media Analytics

4. Quali fonti possono essere monitorate e quali metriche possono essere tracciate

5. I vantaggi delle Social Media Analytics per le attività di benchmarking e reporting

6. Come scegliere lo strumento di Social Media Analytics più adatto alle tue esigenze

7. Quali strumenti gratuiti di Social Media Analytics sono presenti sul mercato

8. Social Media Analytics & Software Integrations

9. Storie di successo grazie alle Social Media Analytics

10. Leggende e falsi preconcetti sulle Social Media Analytics

1. Cosa sono le Social Media Analytics e come funzionano

In questo capitolo cercheremo di rispondere ad alcuni dei quesiti iniziali tipici di chi si avvicina per la prima volta al tema delle Social Media Analytics.

Social Media Analytics: come le definiresti?

Con il termine Social Media Analytics ci si riferisce al monitoraggio di diversi dati e metriche volto ad analizzare cosa sta succedendo online in relazione al proprio brand e non solo. Il termine social media analytics non deve essere associato esclusivamente al mondo dei social network, bensì all’analisi di tutti I media online, come I siti di news, I blog o i forum.

Come funzionano le Social Media Analytics?

Le piattaforme di Social Media Analytics utilizzano dei crawler (utilizzando un sistema simile a quello delle ricerche su Google) che raccolgono informazioni pubbliche dalla rete. Il Sistema più comune prevede che venga inserita in piattaforma una query di ricerca, che trova risposte nell’analisi di tutte le fonti monitorate. Le fonti solitamente includono social network quali Twitter, Instagram e Facebook ma anche siti di notizie, blog, forum e siti di recensioni. Alcune piattaforme permettono di monitorare anche fonti offline o version online di giornali accademici.

Inoltre, gli strumenti più evoluti come Talkwalker permettono di inserire non solo query testuali ma anche visive, grazie ad un aistema proprietario di riconoscimento dele immagini. Questo tipo di tecnologia si basa sull’intelligenza artificiale e permette di riconoscere I loghi dei brand, gli oggetti e gli scenari maggiormente raffigurati nelle immagini online. Puoi leggere di più a proposito di questo tema scaricando il nostro report che spiega perchè il monitoraggio degli elementi visivi sarà la prossima tendenza di marketing.

Una volta che i crawler hanno raccolto i dati è necessario organizzarli.

Le informazioni possono essere categorizzate secondo diversi filtri quali la tipologia di media, il paese di origine, la lingua, il sentiment, il tipo di contenuto, e tanti altri. A questo livello le informazioni si cominciano a raccogliere insight utili e strategici in grado di dare un senso al numero delle mention, specificando, ad esempio, quando sono stati registrati dei picchi di risultati, da dove provenivano quei risultati e qual era il sentiment manifestato.

Lo step successivo è quello dell’analisi. Una volta che le informazioni sono state raccolte e organizzate grazie a diversi filtri, è possibile optare per diverse visualizzazioni e diverse combinazioni di dati al fine di ottenere i dati più strategici da presentare nei nostri report correlate di considerazioni strategiche.

Puoi optare per dei semplici grafici a torta come quello mostrato qui sotto…

social media analytics share of media

(Il grafico mostra quante volte uno specifico brand o una specifica keuword sono stati menzionati su ogni tipologia di media (a sinistra) e la metrica share of mention calcolata sul totale dei media (a destra).)

Oppure puoi optare per visualizazioni più complesse quali la virality map, che mostra come un post, un articolo o un blog si sono diffuse in rete.

social media analytics virality map

Infine, le theme clouds mostrano, attraverso diverse possibilità di configurazione, i termini associati ad una determinata keyword:

themes breakdown social media analytics

Infine, per ottenere il Massimo dalle Social Media Analytics puoi integrarle ad altre metriche funzionali alla misurazione degli obiettivi di business, come le conversion generate dal sito web, dati di vendita, insights dei canali social proprietary e tante altre a seconda degli obiettivi che vuoi andare a monitorare.

RICHIEDI UNA DEMO GRATUITA PER SCOPRIRE LE ANALYTICS DI TALKWALKER

2. Perchè utilizzare le Social Media Analytics?

Senza l’utilizzo di strumenti di Social Media Analytics è praticamente impossibile avere una visione completa e strategica della presenza del proprio brand e dei propri prodotti online, misurare le performance delle proprie campagne marketing e iniziative di PR, e offrire migliori servizi di customer care.

Le social media analytics ti permettono di accedere ai risultati dei più grandi focus group online del mondo, dove si discute costantemente di nuovi prodotti, serie TV, servizio clienti e tanto altro. Questi insight possono essere raccolti e analizzati in tempo reale, fornendo ai brand un fondamentale vantaggio competitivo grazie alla scoperta di nuovi trend e potenziali rischi prima dei competitor.

Di seguito le principali caratteristiche che contraddistinguono le social media analytics:

  • Ti permettono di avere una visione più completa della presenza del tuo brand online. Infatti, per monitorare le performance di un singolo canale sono sufficienti gli strumenti di analytics proprietary del canale (Twitter Analytics, Facebook Insights...) ma se si vuole avere il quadro completo e integrato delle proprie performance è necessario dotarsi di una piattaforma di social media analytics.
  • Ti facilitano nel monitoraggio delle attività dei tuoi competitor permettendoti di comparare le performance dei diversi canali, i risultati delle campagne e i benchmark di mercato. Questa tipologia di attività non può essere gestita semplicemente atrraverso l’uso delle analitiche proprietarie dei canali, che permettono di analizzare salamente il canale del brand.
  • Ti forniscono insight utili per capire come il tuo brand è percepito non solo sui social network ma anche sui blog, sui forum e sui siti di notizie online, andando ad aggiungere informazioni rispetto al monitoraggio tradizionale dei media focalizzato sulla stampa e la televisione. Le più avanzate piattaforme di social media analytics sono studiate per integrare i dati raccolti dal monitoraggio dei media tradizionali con quelli ricavati grazie alle social media anlytics.
  • Ti aiutano a comprendere come il tuo logo è stato utilizzato online grazie ai più avanzati sistemi di riconoscimento delle immagini. Quasi l’80% delle immagini postate dagli utenti in rete contengono un logo oltre al testo e il fatto di riuscire a riconoscere non solo le mention testuali ma anche quelle visive è fondamentale per ottenere un quadro completo della visibilità potenziale del brand.

image recognition user generated content

3. Come utilizzare le Social Media Analytics

Le social media analytics possono essere utilizzate in diversi modi a seconda delle metriche e dei KPI che si vogliono monitorare. Di seguito alcuni dei casi d’uso più comuni.

Ecco una breve lista delle metriche chiave che vengono geralmente monitorate:

  • Mention – indica quanto una specifica parola, frase o espressione viene menzionata su diverse fonti online.
  • Engagement – indica quanto engagement ottiene un post relativo ad una specifica parola chiave (retweets/like su Twitter, like/condivisioni/commenti su Facebook, like/commenti su Instagram, commenti su news e blog sui social media).
  • Sentiment – indica la percezione (positiva, negativa o neutra) del tuo brand, della tua industry di riferimento, delle tue pagine social o dei tuoi competitor.
  • Viralità – indica la volocità con cui un post è stato condiviso e si è diffuso online
  • Mention visive – indica quante volte il logo del brand compare in immagini e fotografie postate online e sui social network.
  • Share of Voice – Indica la quota delle discussion online relative al tuo brand, a un trend o a un argemento in comparazione con altri brand, trend o argomenti che vuoi monitorare.

share of voice customer complaints airlines social media

(Esempio di Share of discussion realtiva alle lamentele dgli utenti sui social media rispetto al tema compagnie aeree)

4. Quali fonti possono essere monitorate e quali metriche possono essere tracciate

In questo capitolo parleremo dei diversi social network e canali online che possono essere monitorati grazie a una piattaforma di social media analytics e delle metriche che possono essere tracciate per ogni canale.

Partiamo dai canali, quali media si possono monitorare?

Puoi monitorare diverse tipologie di media, dai più tradizionali canali stampa alle innumerevoli piattaforme social che già esistono e che stanno nascendo. La maggior parte degli strumenti di social media analytics possono muoversi all’interno di diverse tipologie di siti, come i forum, i siti di wens, i blog, i siti di recensioni e tanti altri. Inoltre, hanno accesso ai dati dei più importante social network come Facebook, Twitter, Instagram, Google+, YouTube, etc.

Una piattaforma come Talkwalker è in grado di raggiungere una copertura molto ampia dei dati, arrivando a monitorare non solo i princiapli social network (Twitter, Facebook, Instagram, YouTube, Google+, LinkedIn, Mixcloud, Flickr, Foursquare, Soundcloud, Vimeo, Weibo) ma anche riviste, agenzie stampa, quotidiani, rassegne stampa, TV, radio, blog e forum.

Quali sono le metriche da monitorare per ogni social network?

Le diverse metriche da monitorare dipendono dalle potenzialità offerte dallo strumento scelto per effettuare l’analisi e dagli obiettivi dell’analisi. Le metriche di analisi per i social media variano a seconda del social network e dotarsi di uno strumento in grado di mopnitorare diversi canali contemporaneamente rende il lavoro più efficiente e strategico rispetto agli strumenti di analitycs limitati al singolo canale.

Di seguito ti forniamo una overview dei principali strumenti di analisi integrati nativamente nei social network, per fare una carrellata delle metriche generalmente monitorate.

Facebook Insights

La pagine di Facebook dedicate agli analytics ti permette di visualizzare le performance dei tuoi post e il comportamento dei tuoi fan. Grazie ai Facebook insights sarai in grado di determinare:

  • L’orario migliore in cui pubblicare I tuoi post
  • Il giorno della settimana più strategico per la pubblicazione
  • La tipologia di contenuto più popolare tra I tuoi fan

Fai un giro su Facebook Insights

Entrando sulla pagina Facebook Insights potrai avere una visione generale della tua pagina Facebook, non solo sulle performance dei tuoi post, ma anche sul comportamento dei tuoi fans. Il periodo di analisi può essere di un giorno, sette giorni, 28 giorni o personalizzato attraverso l’inserimento di date precise. Ecco alcuni parametri mi surati su Facebook Insights

  • Likes – Vedi il totale dei like e I trend di crescita/decrescita durante uno specific period di tempo da te selezionato. Potrai vedere anche la differenza tra like organici e paid.
  • Da dove arrivano i like – Scopri quali sono stati I contenuti che ti hanno permesso di accrescere maggiormente la tua base di fan.
  • Reach – Valuta la portata potenziale dei tuoi post nel corso del tempo per capire su quale contenuto spingere di più.
  • Visualizzazione della pagina – Puoi capire quali elementi della tua pagina stanno funzionando meglio rispetto ad altri. Converte di più la sezione About, Photos, Home o Video? Grazie a Facebook Insights potrai capire dove si genera più traffico.
  • Posts – Scopri quanti fan hanno visualizzato la tua pagina ogni giorno e a che ora.
  • People – Identifica le caratteristiche socio-demo della tua base di fan, compresa la loro provenienza, il genere e la lingua.

LinkedIn Analytics

LinkedIn Company Page Analytics fornisce metriche e trend sulla tua pagina aziendale che possono essere visualizzati solamente dall’amministratore della pagina. Le anlytics in questo caso sono raggrupate sotto tre tab:

Updates

  • Updates – Chi ha raggiunto il post, sia organico sia sponsorizzato, e quante volte il post viene mostrato ai memebri del social network, quante volte hanno cliccato sul contenuto, sul nome dell’azienda o sul logo. Viene mostrato anche il numero di like, commenti, condivisioni di ogni update e numero di follower guadagnati, assieme al livello di engagement (numero di interazioni più click e follower acquisiti diviso per il numero di impression)
  • Reach – Mostra il trend di visualizzazioni organiche e paid raggiunte nell’arco della giornata.
  • Engagement – basato dul numero di volte in cui gli utenti hanno cliccato, consigliato o condiviso un post organico o sponsorizzato durante uno specifico period di tempo.

Follower

  • Tipologia – Numero totale di iscritti che seguono la tua pagina, specificando quali arrivano da una ricercar organiza e quali sono arrivati sulla pagina grazie ad un post sponsorizzato.
  • Dati socio-demo – l’analisi della tua audience include anche un breakdown sul livello di seniority, la industry in cui operano, la funzione aziendale e la dimensione dell’azienda.
  • Follower trends – valuta com’è cambiato il numero dei follower nel corso di uno specific period di tempo.
  • How you compare – Le analytics di LinkedIn permettono di comparare il numero dei tuoi follower con quello delle pagine aziendali dei tuoi competitior.

Visitors

  • Visualizzazione della pagina – quante volte è stata vista la tua pagina?.
  • Click sulla pagina Careers – Quante volte gli utenti hanno cliccato sulla tua pagina dedicate alle opportunità di lavoro aperte nella tua azienda?
  • Profili unici che hanno visitato la vigina – Questa metrica riprende le visualizzazioni della pagina senza considerando singoli visitatori anche coloro che hanno visitato la pagina più volte.
  • Dati socio-demo dei visitatori – Un approfondimento sulle caratteristiche demografiche di coloro che stanno visualizzando la tua pagina.

Twitter Analytics

Twitter Analytics ti fornisce una overview delle performance del tuo account Twitter su un period base di 28 giorni. Sulla pagina dedicate alle anlitiche Twitter troverai informazioni relative a:

  • Followers – Quante persone seguono il tuo account?
  • Impressions – Quante volte è stato visto il tuo tweet?
  • Engagements – misura I retweet, le mention, le risposte, o qualsiasi altra forma di interazione con il tweet.

Il primo livello di analisi offer una panoramica sull’attività degli ultimi 28 giorni.

  • Top tweet secondo earned impressions
  • Top mention secondo earned engagements
  • Top media tweet secondo earned impressions
  • Top follower della pagina con relative numero di follower
  • Numero di tweet
  • Numero di impressions totali
  • Visite alla pagina
  • Numero totale di mention
  • Nuovi follower

Se continui a scorrere la pagina verso il basso, troverai i dati relativi alle stesse metriche calcolati per i 28 giorni precedenti, in modo da poterli confrontare. Puoi continuare a scorrere all’infinito, è una pagina senza fine! Puoi trovare anche informazioni realtive ai tuoi follower, come la lingua, gli interessi, i comportamenti d’acquisto e tante altre informazioni.

Google+ Analytics

Google+ Insights è uno strumento estremamente semplice e se avete bisgono di informazioni più precise rispetto ai referrals e alle conversioni conviene utilizzare direttamente Google Analytics. La pagina di Google+ Insights è strutturata in tre diverse dashboard che forniscono informazioni sulla tua audience. Ogni dashboard può essere filtrata temporalmente su base di 7, 30, 90 giorni o dalla dati di aperture dell’account.

Visibilità

In questa sezione viene calcolata la portata potenziale di visualizzazioni che stai ottenendo grazie a Google+ and Google search.

Posts

  • Post reach – è una metrica che fornisce maggiori dettagli sulle persone che hai raggiunto con il tuo post, vale a dire Google+ followers, Google+ non-followers, e Gmail.
  • Interazioni con i post – Quale e quante interazioni sono state fatte sul tuo post: numero totale di interazioni, commenti e condivisioni.
  • Post più recenti – Una lista dei post pubblicati, pertendo dai più recenti, per i quali puoi scegliere diverse metriche di analisi.
  • Numero medio di interazioni per tipologia di post – indica quante interazioni hai ottenuto di media per quattro diverse tipologie di post: test, link, photo e video.

Audience

  • Nuovi follower – Quanti nuovi follower hai guadagnato durante uno specifico periodo di tempo?
  • Followers per country – Quanti sono I tuoi follower per ogni country?
  • Età e sesso – Puoi accedere ai dati sulla tua audience filtrandoli per uomo, donna o altro.

YouTube Analytics

Le analitiche di YouTube ti permettono di monitorare le performance del tuo canale e dei singoli video, di comprendere dove viene generato il traffico in termini di fonti e location. Molto interessanti sono i report che permettono di capire quale degli ads che stai sponsorizzando converte di più e i grafici relativi alla audience retention, che mostrano quali elementi dei video stanno funzionando meglio, in quanto puoi addirittura ottenere informazioni sui momenti del video in cui l’utente è tornato indietro per rivederlo, è andato avanti o è passato ad un altro video.

Report generale

  • Overview YouTube fornisce un riassunto dettagliato delle performance del canale negli ultimi 28 giorni, che include insight sui dati demografici della tua audience, dati sgli orari in cui si sono registrate più visite, sui commenti, le condivisioni e i like.
  • Report in Real-time che ti forniscono informazioni dettagliate sulle performance degli ultimi 5 video visualizzate attraverso due grafici che mostrano statistiche aggiornate ora per ora e minuto per minuto; divisi a seconda del fuso orario di riferimento.

YouTube mette a disposizione molte altre informazioni utili quali:

  • Report sulle performance della Ads – Impression e revenue derivanti dalle ads trasmesse sui tuoi video YouTube.
  • Watch Time report – Ti offre un breakdown dettagliato sul comportamento della tua audience rispetto ad uno specific video.

Pinterest Analytics

Le Pinterest Analytics sono utili per capire cosa apprezzano maggiormente gli utenti che visualizzano il tuo profilo, cosa scelgono di salvare dal tuo sito, e quali sono i loro interessi. Ecco le metriche che vengono monitorate su Pinterest:

  • Pins – Numero medio di pins giornalieri che vengono salvati dal tuo sito.
  • Pinners – Numero medio giornaliero di utenti che salvano pins dal tuo sito.
  • Repins – Numero medio giornaliero di volte in cui gli utenti fanno “repin” dei contenuti del tuo sito.
  • Repinners – Numero medio giornaliero di utenti che hanno fatto “repin” sui tuoi contenuti.
  • Impressions – Numero medio giornaliero di volte in cui i tuoi pins compaiono sul feed delle board o vengono mostrati a seguito di una ricerca.
  • Reach – Numero medio giornaliero potenziale di persone che hanno visto i tuoi contenuti.
  • Clicks – Numero medio giornaliero di click sul tuo sito provenienti da Pinterest.
  • Visitors – Numero medio giornaliero di persone che visitano il tuo sito da Pinterest.
  • Most recent – I 100 pins più recenti del tuo profilo
  • Most repined – Per questa metrica puoi scegliere di visualizzare i risultati di un giorno specifico, degli ultimi 7 giorni o degli ultimi 14 giorni. Una volta selezionato il periodo di tempo ti verranno mostrati i 100 pins più “repinned”.
  • Most clicked – Anche in questo caso puoi selezionare il periodo di tempo che vuoi analizzare (giorno specifico, ultimi 7 giorni o ultimi 14 giorni) e sulla base di questo filro ti verranno mostrate le immagini che stanno generando maggior traffico sul sito.

Instagram Insights

Da poco attivo per i profili business Instagram Insights mette a disposizione una serie di statistiche utili per comprendere meglio non solo le performance dei post ma anche la tipologia di followers che seguono il profilo: da quale paese provengono, quanti anni hanno, la percentuale di maschi e femmine e gli orari in cui sono più attivi, utile per comprendere con facilità l'orario migliore per la pubblicazione di un nuovo contenuto. Recentemente sono state aggiunti anche i dati sulle stories e le analitiche sulle promozioni attive.

Follower demographic analytics

  • Location dal paese fino alla città di provenienza suddivisi secondo le diverse Time zone per capire qual è l’orario migliore per postare determinati contenuti.
  • Età e genere oltre alle numeriche generali sui follower (totali e guadagnati recentemente)

Insights
Gli Insights di Instagram forniscono dati sulle impression, la reach potenziale, il traffico generato sul sito, i click sul sito generati da Instagram e le diverse tipologie di interazione da parte dei follower.

  • Impressions numero totale di volte in cui i tuoi post sono stati visualizzati
  • Reach numero di account unici che ha visualizzato uno qualsiasi dei tuoi post.
  • Website clicks numero di account che hanno cliccato sul link nela bio del tuo profilo
  • Follower activity serve per capire quali sono i momenti più strategici per pubblicare i tuoi post, quelli in cui i tuoi follower sono online e attivi. Puoi ricavare questo dato secondo diversi filtri temporali, vale a dire ora per ora, giorno per giorno o per una particolare ricorrenza.

Per ognuno degli insight sopra elencati puoi selezionare i post più popolari degli ultimi 7 o 30 giorni.

Quali analitiche riesce a coprire una piattaforma dedicate alle Social Media Analytics?

Con i sistemi di analytics forniti dagli stessi social network è possibile analizzare esclusivamente le performance del tuo account sul singolo canale, quindi se la tua necessità è quella, ad esempio, di effettuare attività di benchmarking monitorando i tuoi competitor o di ottenere insight più dettagliati sulle attività degli influencer con i quali stai collaborando, i dati forniti da questi strumenti sono limitati.

Un altro vantaggio dell’utilizzo di uno strumento di social media analytics è il fatto di poter analizzare tutti i propri canali proprietari attraverso un unico punto di contatto, senza doversi spostare da una pagina all’altra e avendo la possibilità di confrontare a colpo d’occhio i risultati.

Di seguito le principali attività che si possono portare avanti grazie a questo tipo di strumento:

Competitive benchmarking – Monitorando i canali dei tuoi competitor potrai veder quando e cosa pubblicano, l’andamento del numero di follower, il livello di engagement e le interazioni degli utenti.

Dashboards customizzate– Crea dashboard personalizzate per poter avere sempre sotto controllo le metriche he più ti interessa monitorare. Ad esempio, le dashboard possono aiutarti a misurare metriche quali l’andamento delle performance, il ROI, le conversioni generate dai post sponsorizzati, gli hashtag più strategici da utilizzare e il monitoraggio delle campagne. Questa tipologia di analisi risulterebbe pressoché impossibile utilizzando tanti strumenti diversi.

Customer care – uno strumento di social media analytics ti permetterà di tracciare e ottimizzare le interazioni degli utenti con il customer service, in quanto rende possibile riconoscere e rispondere tempestivamente ai problemi sollevati dai consumatori, le questioni legate al recruitment, etc.

Report preimpostati e scaricabili – Puoi condividere report con i vari dipartimenti aziendali.

Ottimizzazione del contenuto – Cerca di capire qual è il contenuto che ha generato maggior engagement. Stai postando il giusto contenuto sul giusto social network? Stai postando il giusto contenuto all’orario e nel giorno giusto? Monitorando tutti i tuoi canali social contemporaneamente riuscirai a trovare dei modelli di diffusione di contenuto che ti aiuteranno a rispondere a queste e altre domande.

Identificazione gli influencer – Scopri chi interagisce più frequentemente con i tuoi contenuti e cerca di costruire relazioni di valore con le persone più influenti della tua industry.

social media analytics influencer marketing

5. I vantaggi delle Social Media Analytics per le attività di benchmarking e reporting

Quando si parla di Social media analytics si sta parlando di misurazione, misurazione delle performance dei tuoi canali proprietari, misurazione delle campagne marketing, misurazione delle attività di PR, ma anche misurazione delle performance, delle campagne e delle attività PR dei tuoi competitor e di altri brand del settore. Dove c’è misurazione, ci sono anche dei report. Come puoi dimostrare di aver raggiunto i tuoi obiettivi? Questo capitolo ti aiuterà a capire come rispondere a questa domanda grazie alle social media analytics.

Posso fare attività di competitive benchmarking grazie alle social media analytics?

Si puoi ed è di vitale importanza per il tuo business. Monitorando le attività dei competitior potrai trovare e utilizzare informazioni strategiche riguardanti, ad esempio, il posizionamento dei loro prodotti sul mercato o la tipologia di messaggi scelta per interagire con la propria audience. Il monitoraggio di queste metriche ti aiuterà a posizionare correttamente sul mercato i tuoi prodotti e servizi, in quanto ti aiuterà a conoscere meglio i segmenti della tua e della loro audience.

social media reporting and benchmarking

(Esempio di competitive benchmarking sui social media delle maggiori compagnie aeree)

Posso utilizzare gli strumenti di social media anlytics per attività di reporting?

Gli sttrumenti di social media analytics più avanzati offrono la possibilità di generare report automatici partendo dai dati raccolti in dashboard personalizzate, permettendoti di mostrare tutti i dati e le statistiche che ritieni essere più importanti al fine di dimostrare il ROI raggiunto con le tue campagne.

Prima di impostare un social media report è importante stabilirne gli obiettivi, cosa stai cercando di dimostrare? Attraverso i report potrai dimostrare regolarmente il valore delle tue campagne di brand awareness e compararle con le campagne dei competitor. Partendo da questi report potrai definire la tua strategia di contenuto, ripensare il posizionamento dei tuoi prodotti, determinare gli elementi di successo di un evento e tanto altro.

talkwalker statistics

(Esempio di report template che può essere visualizzato in diversi formati)

6. Come scegliere lo strumento di Social Media Analytics più adatto alle tue esigenze

Vi sono alcuni aspetti fondamentali da tenere in considerazione nel momento in cui si sceglie uno strumento di social media analytics. Eccoli elencati in ordine di importanza:

  • Obiettivi – A quale scopo ti serve avere social media analytics sempre aggiornate? Pianifichi di monitorare i risultati dei tuoi canali social, le attività di PR o la percezione dei tuoi prodotti? Tutti gli obiettivi elencati? Cerca di capire a cosa ti serviranno le social media analytics e sulla base di quello capirai anche quali caratteristiche dovrà avere lo strumento che ti serve.
  • Potenziale di utilizzo – una volta stabilito perchè ti serve dovrai capire quale sarà il potenziale d’utilizzo all’interno dell’azienda. Lo strumento verrà utilizzato solamente dal team marketing o da più dipartimenti aziendali? Vuoi monitorare argomenti che generano una vasta quantità di risultati (es. smartphone), o vuoi cercare argomenti o frasi più specifiche? Vuoi monitorare 2 argomenti o 50? Da quante fonti vuoi raccogliere dati? È estremamente difficile rispondere a queste domande prima di aver testato gli strumenti ed è per questo che consigliamo di provare gratuitamente le diverse proposte sul mercato prima di scegliere una soluzione, anche perché nella maggior parte dei casi il prezzo varia sulla base di questi fattori.
  • Funzionalità – Quali sono le caratteristiche che lo strumento dovrà avere per soddisfare i tuoi obiettivi e il potenziale di utilizzo del tool all’interno dell’azienda? Ti serve una piattaforma dotata di un’ampia varietà di filtri e operatori booleani per impostare le tue ricerche? Queste caratteristiche ti serviranno soprattutto se vuoi andare oltre al semplice monitoraggio delle mention. Vuoi monitorare sia contenuti visivi sia contenuti testuali? Vuoi integrare altre fonti di dati proprietari oltre a quelli già monitorati dallo strumento? Credi che avrai bisogno di supporto durante il settaggio dei tuoi progetti? Avrai bisogno di report regolarmente e quindi non vuoi perdere tempo per crearli manualmente? Queste sono solo alcune delle considerazioni che devi fare per capire quale tipo di investimento portare avanti e a quale fornitore rivolgersi.
  • Prezzo – Nella maggior parte dei casi il prezzo è il primo aspetto che viene preso in considerazione per scegliere uno strumento di social media analytics ma è importante analizzare prima i tre aspetti di cui abbiamo già parlato per capire se vale ala pena affrontare l’investimento. Ricordati di valutare sempre il costo in base al numero di funzionalità, al volume di dati messo a disposizione e alla qualità del supporto offerto.

7. Quali strumenti gratuiti di Social Media Analytics sono presenti sul mercato?

In alcuni casi, dopo aver fatto le giuste considerazioni rispetto agli elementi discussi nel precedente capitolo, potrebbe risultare non necessario l’utilizzo di uno strumento a pagamento, in quanto può non servire una così ampia copertura di dati provenienti da una così ampia gamma di fonti. Tante volte gli strumenti gratuiti possono essere molto utili per ricerche spot, per il monitoraggio degli hashtag o per cominciare ad entrare in confidenza con la versione più complessa delle piattaforme.

Ad esempio, gli strumenti di Free Social Search di Talkwalker, ti permettono di effettuare ricerche illimitate per avere un’idea dell’output, prendere dimestichezza con l’utilizzo degli operatori booleani. Nella maggior parte dei casi questi tool sono legati ai singoli canali, ecco alcuni esempi di strumenti gratuiti per Twitter e Instagram.

Ecco un breve video che spiega le caratteristiche di Talkwalker Free Social Search:

Se invece quello che stai cercando è uno strumento in grado di inviarti una mail ogni volta che un brand o una parola chiave vengono menzionati puoi provare Talkwalker Alerts, la nostra alternativa ai Google Alerts.

8. Social Media Analytics & Software Integrations

Le aziende devono inevitabilmente dotarsi di diversi strumenti per far fronte alle diverse necessità legate al dipartimento marketing, come piattaforme di social media management, come Hootsuite, o strumenti che analizzano il traffico sul sito come Google Analytics. Vi sono strumenti come Tableau che rispondono alla necessità di creare specifiche e complesse visualizzazioni e via dicendo. Prendendo atto della complessità di questo ecosistema, un aspetto importante dello strumento di social media analytics che scegli deve essere la capacità di integrare facilmente i dati provenienti da altri sistemi, per permetterti di correlare i risultati delle diverse attività e ottenere velocemente gli insight strategici di cui hai bisogno.

9. Storie di successo grazie alle Social Media Analytics

Of course, it’s all very well for us to promote the benefits of social media analytics but it’s probably more convincing when it comes from companies that are using it right now to improve their business. Here are a couple of our favorite examples.

Nescafé Dolce Gusto – come incrementare le performance delle campagne del 400%

Nescafe Dolce Gusto

La sfida
Il modo più efficace per comprendere i consumatori è implementare una strategia customer centrica. Capire quello che i #CoffeeLovers condividono online ha dato la possibilità a Nescafè di ottimizzare la propria strategia di content marketing.

Soluzione
Nescafé Dolce Gusto ha rivisto la sua strategia social basandola sugli insight identificati dalla piattaforma di Talkwalker sui coffee lover e i social network. Il brand ha così quadruplicato il suo engagement rate su Facebook e Instagram, e ha visto crescere del 500% la sua Instagram community.

Result – Questa nuova strategia basata sui dati ha permesso a Nescafé Dolce Gusto di incrementare la sua audience su Instagram del 500% e di quadruplicare il livello di engagement sia su Facebook sia su Instagram.

Leggi il caso studio completo per saperne di più

Deutsche Telekom – come sviluppare un avanzato Sistema di gestione crisi

telekom social media analytics crisis

La sfida
Deutsche Telekom voleva riuscire a monitorare le conversazioni online per poter intercettare velocemente ogni eventuale segnale di crisi all’interno di milioni di mention del brand online. In questo caso il brand aveva bisogno di uno strumento flessibile e in grado di analizzare velocemente un elevato numero di dati.

Soluzione
Deutsche Telekom è riuscita a creare un crisis centre che si occupa del monitoraggio del buzz in rete. I membri del team possono impostare il monitoraggio di qualunque parola chiave o hashtag sensibile relazionato al brand o ad un prodotto, per reagire immediatamente prima che queste problematiche si trasformino in criticità fuori controllo. La condivisione tempestiva di questi social insight con gli altri dipartimenti è uno dei punti chiave della loro strategia di crisis management e per attivarla utilizzano la funzionalità di intuitive reporting di Talkwalker.

Risultati - Utilizzando le social media analytics in real-time, Deutsche Telekom è in grado di identificare situazioni critiche spot tempestivamente, evitando che raggiungano un elevato livello di crisi e riuscendo a fornire insights strategici ai diversi team nel più breve tempo possibile.

Leggi il caso studio completo per saperne di più

10. Leggende e falsi preconcetti sulle Social Media Analytics

Le Social media analytics possono essere applicate solo ai social media

Errato! Nonostante il nome possa trarre in inganno, le piattaforme di social media analytics ti permettono di monitorare e analizzare i dati provenienti da moltissime altre fonti. Talkwalker, per esempio, copre più di 150 milioni di siti in tutto il mondo.

Le Social media analytics ti permettono di monitorare solo i canali owned

No, le social media analytics permettono di monitorare anche i canali dei competitor o l’utilizzo di particolari keyword o hashtag sulle diverse fonti dalle quali possono essere estratti dati pubblici (NB: per alcuni social network le piattaforme potrebbero avere un accesso limitato ai dati, questo dipende dalle API fornite dai social network).

Le piattaforme di social media analytics monitorano esclusivamente i dati privati

Come regola generale, è bene sottolineare che questi tool non possono accedere a dati privati come pagine Facebook e Instagram private o le app di messaggistica. Talkwalker monitora solamente dati ai quali il pubblico può accedere, come un post su Twitter o il post di un blog ma ti permette di aggiungere tramite autorizzazione i tuoi dati personali all’interno di un progetto.

Le social media analytics sono utilizzate solamente dai social media managers

Le social media analytics sono fondamentali per i social media managers ma loro non sono le uniche persone che possono beneficiarne, come chi si occupa di PR e comunicazione e vuole misurare il ROI delle campagne. Non solo comunicazione e marketing ma anche prodotto, in quanto i product manager possono che possono raccogliere feedback inaspettati per indirizzare lo sviluppo dei prodotti, e anche media, in quanto questo tipo di strumento può essere utile anche per identificare topic di tendenza.

Le social media analytics permettono alle aziende di capire cosa pensano gli utenti rispetto a qualsiasi argomento di interesse, rendendo il potenziale di utilizzo sempre più vasto.

Speriamo di averti dato tutte le informazioni necessarie per partire con la tua strategia di social media analytics ma se vuoi saperne di più puoi contattarci o richiedere una demo gratuita di Talkwalker per farti un’idea ancora più approfondita di quello che ti abbiamo raccontato in questa guida!

request free demo